Preloader

Cioccolato della Piazza dei Mestieri

+39 011 197 09 750 ufficioclienti@piazzadeimestieri.it Via Jacopo Durandi, 13 - 10144 Torino

Il cioccolato della Piazza sui Social

Title Image

La lavorazione

Come nasce il cioccolato della Piazza dei Mestieri

Sul camice bianco di Salvatore Minniti c’è ricamata la scritta “Chef Chocolatier”, perché lui insegna la filosofia del cucinare. Il cioccolato non nasce sugli alberi del cacao.
Nasce da un processo di cucina. È tutta una questione di cottura, di temperature. Il sole della fascia equatoriale che fa maturare le fave di cacao. Il calore che genera la fermentazione. Quello necessario per l’essiccazione. Il calore intenso della tostatura. Quello più delicato della macinazione, del concaggio e della raffinazione, dove il calore si sprigiona per sfregamento.
Anche il temperaggio è un fatto di calore. E poi il raffreddamento, procedimento inverso, in cui è il freddo a fermare il cioccolato, a cristallizzarlo nella fomra che tutti conosciamo e che consumiamo. Un’infinità di passaggi e di competenze che si intrecciano.

cioccolato lavorazione cioccolato lavorando

Per Salvatore Minniti il cioccolatiere è come un uomo del Rinascimento trapiantato ai giorni nostri. Deve conoscere l’arte della cucina per creare le ricette dei diversi tipi di cioccolato, la chimica per dosare ad esempio la tostatura del cacao e delle nocciole, la matematica per le percentuali di cacao e degli altri ingredienti caratterizzanti.
Un’alchimia.

Questo è ciò che facciamo nel nostro laboratorio. Dalle materie prime alla tavoletta alla pralina. Qui sono all’opera Marina, Katia e a turno alcuni ragazzi della scuola, che vengono a imparare sul campo come si crea cioccolato dopo averlo studiato sui banchi.

Abbiamo voluto ricreare l’atmosfera degli storici laboratori di cioccolato che hanno reso Torino la capitale di questa meraviglia. Ogni cioccolatiere metteva a punto una sua macchina in base al suo peculiare modo di lavorare.

E così ha fatto lo Chef Chocolatier Salvatore Minniti, ha ideato una macchina a sfere che sostituisce il concaggio attraverso un passaggio ancora più morbido e delicato: piccole sfere che massaggiano lentamente e costantemente la massa di cacao per liberare gli aromi e amalgamare i componenti. Da questo massaggio nasce la base di cacao utilizzata per fare le praline, le tavolette, i gianduiotti.

Lavorare il cioccolato con cura artigiana

Poi c’è la fase in cui vengono aggiunti gli ingredienti caratterizzanti delle varie praline. Abbiamo una regola, che è un po’ la firma del nostro cioccolato: equilibrio.

Lavorazione dei cioccolatini

Il nostro fondente ha una sua personalità già ben spiccata. Così, quando elaboriamo una ricetta vogliamo far risaltare ogni singolo gusto. Ad esempio quando facciamo la pralina al pistacchio, vogliamo che in ogni momento della degustazione emerga una sua particolare sensazione: così prima percepisci il sentore deciso del fondente, e solo alla fine ti arriva il pistacchio. In un’unica pralina hai due momenti sensoriali diversi e ben spiccati, quasi due viaggi in destinazioni diverse del mondo del cioccolato.

Questo è un po’ il nostro spirito: il cioccolato ha tante destinazioni, noi vogliamo accompagnare i suoi cultori in questo viaggio, partendo dal nostro laboratorio di Torino.
Buon viaggio!

lavorazione cioccolato
cioccolato cioccolatino newsletter